Pubblicato da: aizercast | gennaio 8, 2010

I social networks seppelliranno i blog tematici?


E’ da qualche tempo che mi frulla in testa questa osservazione, soprattutto da quando ho iniziato ad utilizzare aNobii (qui trovate la mia librearia) per catalogare e recensire i fumetti che leggo e condividere queste informazioni automaticamente sul mio profilo di Twitter e Facebook, ma anche per leggere i pareri degli altri sui titoli che mi interessano e su cui ho dei dubbi.

Oltre ad aNobii vengo a scoprire (grazie a Mirko) dell’esistenza di Anime Otakuland, un portale per i collezionisti e gli amanti del manga (anche fumetti e comics), anime e statuine che permette di catalogare e recensire le proprie collezioni.

I membri di questi social networks sono veramente tanti e la quantità di materiale è notevole, come le recensioni ed i pareri espressi. Recentemente seguo sempre più spesso queste community al posto dei blog tematici sui fumetti perché noto un aggiornamento più frequente e soprattutto una maggiore freschezza della notizia. Ovviamente non finisce qui, a favorire ulteriormente i social networks c’è il fatto che la comunicazione avviene da molti verso molti, mentre un post su di un blog tendenzialmente è da uno a molti.

Poco dopo scopro e leggo questo post sul blog di Recchioni (per puro caso: giuro!) dove Roberto, nel suo inconfondibile stile, non si risparmia con le critiche sui siti di informazione fumettistica in Italia e parte così:

Un paio di giorni fa avevo intenzione di scrivere un pezzo per celebrare la morte dei siti italiani dedicati al fumetto. Poi ci ho pensato e ho capito di essere troppo severo. I siti italiani dedicati al fumetto non sono morti: sono in coma.

Segue poi un’analisi attenta, sito per sito di quello che, a parere suo (io condivido al 87,5%) va bene ma soprattutto di quello che va male. La cosa su cui concordo pienamente con il papa’ di John Doe è la mancanza di passione di molti autori, cosa che non manca assolutamente nei membri delle community di cui vi ho parlato sopra.

Se pensiamo quindi ad un maggiore aggiornamento sia in termini di quantità e spesso di qualità, alla possibilità di interazione tra i membri ed alla passione che questi ci mettono, la domanda sorge spontanea: i blog tematici sono destinati a scomparire per lasciare il loro posto ai social networks tematici? Personalmente credo di si, anche perché il format dei blog tematici è il medesimo da 4 anni a questa parti e parlando in “anni internet” sono parecchi!

Annunci

Responses

  1. […] fatto una nostra, “solita” riflessione, domandandoci e soprattutto domandandovi se i Social Networks soppianteranno i blog tematici. Non solo, Panini Comics ritorna sui suoi passi e pubblica nuovamente il volume zoppo di Death […]

  2. […] strizza l’occhio ai fumetti Anche Fabio ora ha attivato il suo profilo su aNobii, il social network dedicato ai lettori di libri che strizza l’occhio anche a noi grandi lettori di […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: